Il marmo rosa di Candoglia

Il marmo di Candoglia, estratto nelle cave dell'omonima frazione in comune di Mergozzo, è di colore rosa, da chiaro a intenso, con venature grigie. Si presenta in lenti orientate da nord-est a sud-ovest e affiora, oltre che sul versante montuoso in riva sinistra del fiume Toce, anche ad Ornavasso in riva destra. Il marmo è una roccia metamorfica a composizione calcitica, che nel caso di Candoglia presenta una struttura saccaroide a grana media e di buona compattezza.

La fama di questa pietra è legata all’uso esclusivo che ne venne fatto per la costruzione del Duomo di Milano. Tuttora la Fabbrica del Duomo gestisce l’estrazione e la lavorazione del marmo per la realizzazione degli elementi scultorei di sostituzione ed i continui restauri della grandiosa chiesa milanese.

 

Breve storia delle cave di Candoglia

Si conosce l’uso del marmo rosa di Candoglia fin dall’epoca romana per stele ed are, ma dal 24 Ottobre 1387, in base ad un privilegio di Gian Galeazzo Visconti fu riservato esclusivamente alla Fabbrica del Duomo di Milano.


Le varietà del marmo di Candoglia usate per l’edificazione del Duomo di Milano sono essenzialmente tre: quella rosa, la più pregiata per il colore, la compattezza e la resistenza, soprattutto per lavori di scultura ed ornamentali; quella bianca, più diffusa della precedente, pure essa utilizzata per la statuaria ed infine quella grigia, più abbondante, usata nelle strutture portanti. Nel XV-XVI sec. il marmo fu utilizzato in molti altri monumenti quali la chiesa della Certosa di Pavia e la Cappella Colleoni a Bergamo. Nel XX sec. il famoso architetto Piero Portaluppi lo utilizzò, insieme con il marmo di Ornavasso, per il rivestimento di alcuni edifici milanesi sia pubblici che privati.

L’estrazione del marmo dalle cave di Candoglia era economicamente conveniente per il Ducato di Milano grazie al risparmio sui costi di trasporto per via fluviale lungo il lago Maggiore, il Ticino e i Navigli. Le imbarcazioni per la Fabbrica del Duomo erano esenti da pedaggi e contraddistinte dalla scritta AD USUM FABRICAE, da qui forse deriva l’espressione viaggiare ad U.F.O. cioè gratis. Una legge del 1927, in seguito confermata da una legge regionale piemontese, rinnova il diritto esclusivo dell’ente della Veneranda Fabbrica del Duomo ad utilizzare i marmi di Candoglia.

 

In evidenza

Previous Succ.
  • 1
  • 2
Legni e tessuti di 2000 anni fa

Legni e tessuti di 2000 anni fa

Sabato 13 maggio 2017, presso il Civico Museo Archeologico di Mergozzo, dalle ore 17.00, si terrà l'incontro per il ciclo “L’eterno e l’effimero” dal titolo "Legni e tessuti di 2000 anni fa".

Gli archeobotanici, che negli scorsi mesi hanno analizzato i frammenti di materia organica rinvenuti nella necropoli orientale “della Cappella” di Mergozzo, oltre ad illustrare gli aspetti generali della loro particolare attività scientifica, daranno conto di alcuni risultati delle analisi effettuate che hanno consentito, attraverso l’esame dei legni mineralizzati sugli attrezzi da lavoro in ferro, di ricostruire alcuni elementi del paesaggio vegetale antico.

Mentre i resti di tessuti, anch’essi conservati per mineralizzazione su strumenti e oggetti d’ornamento, hanno permesso di individuare tecniche e tipologie di fibre tessili impiegate e infine i frammenti di cuoio restituiscono utili dati sulle calzature indossate dai mergozzesi di 2000 anni fa.

L’archeobotanica, disciplina il cui nome è stato coniato nel 1978, si occupa dell’analisi di diverse tipologie di resti di materia organica e contribuisce anche con questi dati a offrire una ricostruzione dettagliata del passato.

La conferenza si inserisce nel ciclo annuale per il decennale dell’Ecomuseo del Granito “L’eterno e l’effimero” con riferimento ai materiali durevoli, quali la pietra, e a quelli deperibili e destinati a scomparire con il passare dei secoli, quali il tessuto e il legno.


COMITATO PARKINSON CUP E GRUPPO ARCHEOLOGICO MERGOZZO PORTICATO DELLE CAPPELLE DALLE ORE

19.30 ESERCITAZIONI DI IMMAGINAZIONE Concerto in memoria di Alberto De Giuli

Nella stessa giornata del 13 maggio si terrà presso il Porticato delle Cappelle di Mergozzo un evento, organizzato dall’Associazione Amici Parkinsoniani VCO onlus e dal Gruppo Archeologico, in ricordo di Alberto De Giuli, fondatore del Gruppo, animatore di tante iniziative di ricerca storica e archeologica, scomparso nel gennaio 2016 dopo aver lungamente lottato contro la malattia di Parkinson.

Dopo un momento con interventi a ricordo di Alberto a cura di amici e colleghi, si terrà il concerto “Esercitazioni di immaginazione” con NeverSeenOrchestra, diretta dal maestro Gianmaria Bellisario.

Il concerto è a offerta libera. Il ricavato sarà devoluto a iniziative a favore di persone affette dalla malattia di Parkinson.

Read more
Museo in gioco 2017

Museo in gioco 2017 - STORIE DI LEGNO E DI PIETRA

Anche per il 2017, grazie alla consolidata collaborazione con la Biblioteca per Ragazzi e il progetto Nati per Leggere di Mergozzo, ampliata anche con la collaborazione con il Comune di Baveno e il Museo Granum, ove si terrà uno degli appuntamenti, il CIVICO MUSEO ARCHEOLOGICO e l'ECOMUSEO DEL GRANITO, che compie 10 anni, propongono un calendario di incontri e attività per coinvolgere i più piccoli. Questo il programma dell'anno:

Mergozzo, Civico Museo Archeologico – Sabato 22 aprile ore 15.30-17.30

Storie di pietra – letture di racconti con la pietra come soggetto o ambientazione, a seguire laboratorio creativo e merenda


Mergozzo, Civico Museo Archeologico – Sabato 20 maggio ore 15.30-17.30

Storie di legno – speciale “Pinocchio”, una storia, tante storie…, a seguire laboratorio creativo di costruzione burattini

Mergozzo, Civico Museo Archeologico – Sabato 10 giugno

Notte in museo – torna, a grande richiesta, la possibilità di passare una notte insolita in un luogo insolito, tra le pietre antiche del museo… (numero massimo 10 partecipanti)


Mergozzo, Civico Museo Archeologico – Sabato 23 settembre ore 15.30-17.30

Compleanno del museo e dell’ecomuseo del granito – letture animate “le migliori storie di legno e di pietra”, a seguire laboratorio creativo


Baveno, Museo Granum - Domenica 8 Ottobre ore 15-17

Giornata F@Mu – pomeriggio in museo con attività ludiche per bambini e famiglie (presentazione del gioco “trivial pursuit lungo la via del marmo” frutto del progetto con le scuole medie del territorio e la Veneranda Fabbrica del Duomo di Milano)




Read more