Musei ed ecomusei della pietra nel VCO

Nel territorio del Verbano Cusio Ossola la varietà di pietre ornamentali e da costruzione ha determinato la ricca tradizione produttiva del settore lapideo, oggi espressa, oltre che dalle numerose attività di cava e lavorazione della pietra, anche da musei ed ecomusei che ne raccontano la storia. La visita all'Ecomuseo del Granito di Montorfano può essere collegata ed abbinata alla visita degli altri musei/ecomusei a tema "pietra"  in una rete che abbraccia tutta la provincia.

Percorsi dedicati alla lavorazione della pietra

Comune Denominazione Museo / Ecomuseo / Percorso Informazioni
Baveno, Piazza della Chiesa 8 GRANum, Museo del Granito rosa La sala espositiva è dedicata al tema del granito rosa di Baveno secondo quattro aree tematiche: varietà, rarità, mestiere, storia e arte. Un gioco multimediale immerso permette di conoscere le aree estrattive del VCO, e i monumenti in granito rosa in Italia e nel Mondo. I percorsi del granito rosa e il Museo Granum sono integrati attraverso una convenzione di collaborazione con l'Ecomuseo del granito di Monitorano.
Madonna del Sasso, frazione Boleto, piazza Europa Museo dello Scalpellino Il museo, che fa parte dell'Ecomuseo del lago d'Orta e Mottarone, racconta attraverso oggetti, video e documenti il duro lavoro degli scalpellini, con particolare riferimento all'estrazione del granito bianco delle cave di Alzo.
Malesco, Palazzo Pretorio Museo archeologico della Pietra Ollare ed Ecomuseo ed Leuzerie e di Scherpelit (della Pietra Ollare e degli Scalpellini) L'Ecomuseo della pietra ollare si articola in percorsi sul territorio dedicati al tema della pietra e dei sui impieghi svariati nel territorio montano ed ha il proprio centro presso il Museo archeologico della Pietra Ollare che narra, attraverso reperti della Valle Vigezzo e inserimenti video, i più antichi utilizzi della serpentinite e le tecniche di estrazione e lavorazione nell'Antichità e nella tradizione locale.
Ornavasso Antica cava del marmo L'antica cava di Ornavasso è visitabile e si presenta come un interessante esempio di escavazione in galleria di una vena dello stesso marmo rosa estratto a Candoglia ed utilizzato per il Duomo di Milano.
Trontano Museo ossolano della Beola e dello Scalpellino Spazio espositivo dedicato alla lavorazione della beola e del serizzo come materiali da costruzione.

Percorsi mineralogici

Comune Denominazione Museo / Ecomuseo / Percorso Informazioni
Crodo Museo mineralogico ossolano e Museo delle acque minerali Il Museo mineralogico nasce grazie all'intensa attività di raccolta di appassionati ricercatori, che con una particolare formula di comodato, espongono a rotazione i campioni più belli e interessanti con il supporto scientifico del Centro Studi Ginocchi. Alla sezione mineralogica si affianca quella dedicata alle Acque minerali con macchinari per l'imbottigliamento e una vastissima raccolta di etichette.
Domodossola, via Rosmini 24 Museo di Scienze Naturali del Collegio Mellerio Rosmini Il ricchissimo materiale, raccolto nel corso del tempo dai docenti di scienze dell’Istituto Rosmini è organizzato in una prima sala dedicata alla geologia ed alla mineralogia, nella quale spiccano i campioni geologici raccolti dal prof. Alessandro Malladra durante lo scavo del traforo del Sempione ed altri cimeli sempioniani, tra cui l’unica perforatrice superstite. Seguono le sale dedicate alla fauna e alla botanica.
Domodossola, via Canuto 12 Museo sempioniano Il museo, che racconta la storia delle via del Sempione dall'antichità, fino allo scavo del traforo ferroviario ed alla trasvolata di Geo Chavez, ospita anche una collezione di campioni geologici raccolti durante i lavori di escavazione e spiega come proprio quei lavori furono alla base della geologia moderna e della comprensione del processo di formazione delle Alpi.
Piedimulera, via Boiti 3 Lithoteca "Giorgio Spezia" Il percorso si articola in due sezioni: una dedicata ai minerali ossolani, una destinata ad illustrare le tecniche, gli strumenti e la storia dell’estrazione e della lavorazione dell’oro.
Prema, via Casa Francesco Museo mineralogico "G. Bonomo" La raccolta comprende oltre 3000 esemplari, catalogati per nome e località, provenienti quasi esclusivamente dalle valli ossolane, con predominio delle valli Antigorio e Formazza, dove affiorano le strutture geologiche più profonde conosciute in tutto l'arco alpino.


 

In evidenza

Previous Succ.
  • 1
  • 2
Museo in gioco 2017

Museo in gioco 2017 - STORIE DI LEGNO E DI PIETRA

Anche per il 2017, grazie alla consolidata collaborazione con la Biblioteca per Ragazzi e il progetto Nati per Leggere di Mergozzo, ampliata anche con la collaborazione con il Comune di Baveno e il Museo Granum, ove si terrà uno degli appuntamenti, il CIVICO MUSEO ARCHEOLOGICO e l'ECOMUSEO DEL GRANITO, che compie 10 anni, propongono un calendario di incontri e attività per coinvolgere i più piccoli. Questo il programma dell'anno:

Mergozzo, Civico Museo Archeologico – Sabato 22 aprile ore 15.30-17.30

Storie di pietra – letture di racconti con la pietra come soggetto o ambientazione, a seguire laboratorio creativo e merenda


Mergozzo, Civico Museo Archeologico – Sabato 20 maggio ore 15.30-17.30

Storie di legno – speciale “Pinocchio”, una storia, tante storie…, a seguire laboratorio creativo di costruzione burattini

Mergozzo, Civico Museo Archeologico – Sabato 10 giugno

Notte in museo – torna, a grande richiesta, la possibilità di passare una notte insolita in un luogo insolito, tra le pietre antiche del museo… (numero massimo 10 partecipanti)


Mergozzo, Civico Museo Archeologico – Sabato 23 settembre ore 15.30-17.30

Compleanno del museo e dell’ecomuseo del granito – letture animate “le migliori storie di legno e di pietra”, a seguire laboratorio creativo


Baveno, Museo Granum - Domenica 8 Ottobre ore 15-17

Giornata F@Mu – pomeriggio in museo con attività ludiche per bambini e famiglie (presentazione del gioco “trivial pursuit lungo la via del marmo” frutto del progetto con le scuole medie del territorio e la Veneranda Fabbrica del Duomo di Milano)




Read more
La pietra racconta - Stone on stage 2017



BAVENO E MERGOZZO - Venerdì 25-Sabato 26-Domenica 27 agosto

Un intero fine settimana di eventi dedicati alla pietra, in cui la musica e la danza, declinate con diverse modalità e rivolte a differenti fasce di pubblico, divengono occasione per valorizzare luoghi ed elementi del paesaggio “di pietra” naturale e costruito, calando le proposte nel territorio e nei siti di estrazione e lavoro pietra. Si è data la preferenza a performance musicali o coreutiche per un coinvolgimento ampio anche degli ospiti stranieri presenti sul territorio.

Le finalità sono quelle di mettere in luce e valorizzare un elemento identitario del territorio provinciale, la pietra, raccontandolo con linguaggi che si integrano a quelli del Museo Granum e dell’Ecomuseo del granito, che ne propongono la storia, offrendone visioni contemporanee.




Calendario:

BAVENO - Venerdì 25 agosto ore 16.30

Visita alle cave con l’itinerario Pietre al tramonto. Dapprima il geologo presso il Museo traccerà il quadro del granito e dell’attività estrattiva che lo riguarda, a seguire in cava si farà la visita allo stabilimento di lavorazione dei feldspati e all’area estrattiva del granito, con salita in automezzo. Questa escursione prevede un ticket di euro 15 e la prenotazione obbligatoria entro le ore 17 del giorno precedente da effettuarsi presso l’ufficio turistico (Tel. 0323 924632)


BAVENO - Venerdì 25 agosto ore 21

L’Opera incontra i luoghi di lavoro e, grazie alla collaborazione con Tones on the Stones, che utilizza spazi industriali legati alla pietra in modo spettacolare, si concretizza in una produzione espressamente pensata per lo stabilimento di estrazione dei feldspati della cava Seula di Baveno. Lo stabilimento diverrà palcoscenico per Gianni Schicchi e Suor Angelica di Giacomo Puccini con la regia di Renato Bonajuto, l’Orchestra Filarmonica del Piemonte diretta da Aldo Salvagno e la partecipazione di Maddalena Calderoni nel ruolo di Suor Angelica e Sergio Bologna nel ruolo di Gianni Schicchi.

Prevendite a partire dal 17 agosto presso l’Ufficio turistico di Baveno (tel 0323 924632) biglietti € 25 (€ 23 per residenti di Baveno).


BAVENO - Sabato 26 agosto ore 19

Il parco di Villa Fedora accoglie MIGMA ON THE STONES, Electronic live performances con luci, pietre e suoni cura di NeXTones e Migma Collective, si esibiscono Comrade in una performance interattiva dal titolo Lapis manet e quindi Hi parote • UABOS e Vaeero.

L’evento è con ingresso a donazione libera. In caso di cattivo tempo sarà annullato.


MERGOZZO - Domenica 27 agosto

Dalle 15 alle 22 apertura speciale della mostra d’arte diffusa “Percorsi trasversali” che con opere scultoree e installazioni in pietra e legno si integra nell’antico nucleo storico mergozzese del rione Sasso.

Ore 21. Marmoree Vibrazioni. Piazzetta Marconi. Concerto tra rock e roccia con Vic Vergeat alla chitarra di marmo e la voce di Mar Tina. La voce angelica della giovanissima cantante Mar Tina e i suoni della chitarra di marmo dello storico chitarrista e cantautore ossolano che ha lavorato in tutto il Mondo si uniscono in un mix di grande effetto tra le antiche pietre del centro storico di Mergozzo.

L’evento è con ingresso a donazione libera. In caso di cattivo tempo si terrà presso la ex chiesetta Parco CRI.

L’iniziativa è inserita nel progetto “La pietra racconta” realizzato dai Comuni di Baveno e Mergozzo e dall’Associazione Gruppo Archeologico di Mergozzo nell’ambito dell’Ecomuseo del Granito con il contributo di Fondazione Comunitaria del VCO.




Read more